OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

OLIO DI NONNO
MIMMO

Produciamo un olio extravergine di oliva di alta qualità con un sapore dolce e delicato al palato e con una bassa acidità.

Il nostro olio non è fatto di solo olive ma di AMORE, di grande PASSIONE per la nostra terra, di ENTUSIASMO, di coinvolgimento di tutta la famiglia, di cure per le nostre piante e i loro frutti.

Il nostro olio

 

Le origini vulcaniche dell’area (Pitigliano - GR) permettono ai terreni di avere caratteristiche uniche che, unite al clima collinare ideale per la coltivazione dell’olivo, rendono il nostro olio extravergine di oliva di ottima qualità.

Per preservare le sue caratteristiche organolettiche seguiamo i seguenti accorgimenti:

la raccolta avviene abbastanza precocemente, entro la prima metà di novembre;

le olive, una volta raccolte, vengono trasportate entro 12 ore nel frantoio per la molitura a freddo sottovuoto

durante l’anno utilizziamo solo trattamenti biologici

Il prodotto è naturale e non filtrato, soggetto a piccoli residui di decantazione.

I nostri principi

 

Assieme alla mia famiglia scriveremo un piccolo diario di viaggio per condividere le nostre idee, le nostre passioni ed i piccoli passi avanti del nostro piccolo progetto familiare. L’obiettivo è che il cliente, oltre a comprare un olio sano e buono, si senta parte di un progetto, che "salga in barca” con noi per iniziare assieme un viaggio.
La nostra idea è di realizzare, all'interno della nostra piccola azienda, un’agricoltura biodinamica, multifunzionale ma non solo….

L'etichetta

 

Perché quell’immagine? Cosa vuol dire? Che istante rappresenta? Chi sono?


La bimba è MAIA (mia figlia), l’uomo anziano è mio padre DOMENICO (per gli amici MIMMO). È un momento speciale che non dimenticherò e che spero MAIA possa ricordare.
È stata l’ultima volta che si sono visti (mio padre è morto nel 2014) e, cosa più importante, l’unica volta che mio padre e mia figlia senza alcun motivo speciale si sono presi per mano per passeggiare assieme.
È un momento eccezionale. Perché?
Perché in quel momento MAIA ha avuto il coraggio di DARE LA MANO a suo nonno e mio padre, che ha avuto sempre difficoltà a mostrare agli altri le proprie emozioni, ha avuto il coraggio di PRENDERE LA MANO di MAIA.